:: IETF::

IETF (Internet Engineering Task Force), è una grande Comunità internazionale aperta ai progettisti di reti, agli operatori, ai fornitori e ai ricercatori interessati allo sviluppo dell'architettura di Internet e al regolare funzionamento di Internet.
:: È aperto a tutte le persone interessate.

Leggi anche "Il Tao di IETF".

IETF è parte integrante di ISOC (Internet Society)

:: LINK::

 

Internet is for Everyone
Vint Cerf  (RFC 3271)

 

Internet è per tutti
(Traduzione di Vincenzo Viscuso)

 

Informational Comment Vint Cerf
Internet Draft Internet Society
Document: draft-isoc-internet-for-everyone-00.txt April 1999
Category: Informational


The Internet is for Everyone

Status of this Memo

This document is an Internet-Draft and is in full conformance with
all provisions of Section 10 of RFC2026 [1]. Internet-Drafts are
working documents of the Internet Engineering Task Force (IETF), its
areas, and its working groups. Note that other groups may also
distribute working documents as Internet-Drafts. Internet-Drafts are
draft documents valid for a maximum of six months and may be
updated, replaced, or obsoleted by other documents at any time. It
is inappropriate to use Internet-Drafts as reference material or to
cite them other than as "work in progress."

The list of current Internet-Drafts can be accessed at
http://www.ietf.org/ietf/1id-abstracts.txt

The list of Internet-Draft Shadow Directories can be accessed at
http://www.ietf.org/shadow.html.
 

 


1. Abstract

The Internet really is for everyone. However, it will only be such
if we make it so.


2. The Internet is for everyone

The Internet is for everyone!

How easy to say - how hard to achieve!

Where are we in achieving this noble objective?

The Internet is in its 11th year of annual doubling since 1988.
There are over 44 million hosts on the Internet and an estimated 150
million users, worldwide. By 2006, the Internet is likely to exceed
the size of the global telephone network, if it has not by that time
become the telephone network by virtue of IP telephony. Moreover,
tens of millions of Internet-enabled appliances will have joined
traditional servers, desktops and laptops as part of the Internet
family.



Pagers, cell telephones and personal digital assistants may well
have merged to become the new telecommunications tool of the next
decade. However, even at the scale of the telephone system is it
sobering to realize that only half the population of Earth has ever
made a telephone call.

It is estimated that commerce on the network will reach somewhere
between $1.8T and $3.2T by 2003. That is only four years from now
(but a long career in Internet years).
 


The number of users of Internet will likely reach over 300 million
by the end of the year 2000, but that is only about 5% of the
world's population. By 2047 the world's population may reach about
11 billion. If only 25% of the then-world's population is on the
Internet, that is nearly 3 billion users or ten times the population
estimated at the end of the next year.

As high bandwidth access becomes the norm, through digital
subscriber loops, cable modems and digital terrestrial and satellite
radio links, the convergence of media available on the Internet will
become obvious. Television, radio, telephony and the traditional
print media will find counterparts on the Internet - and will be
changed in profound ways by the presence of software that transforms
the one-way media into interactive resources, shareable by many.

The Internet is proving to be one of the most powerful amplifiers of
speech every invented. It offers a global megaphone for voices that
might otherwise be heard only feebly, if at all. It invites and
facilitates multiple points of view and dialog in ways
unimplementable by the traditional, one-way, mass media.

The Internet can facilitate democratic practices in unexpected ways.
Did you know that proxy voting for stock shareholders is now
commonly supported on the Internet? Perhaps we can find additional
ways in which to simplify and expand the voting franchise in other
domains, including the political, as access to Internet increases.
 

 


The Internet is becoming the repository of all we have accomplished
as a society. It is becoming a kind of disorganized Boswell of the
human spirit. Be thoughtful in what you commit to email, news
groups, and other media - it may well turn up in a web search some
day. Shared databases on the Internet are acting to accelerate the
pace of research progress, thanks to online access to commonly
accessible repositories.

The Internet is moving off the planet! Already, interplanetary
Internet is part of the NASA Mars mission program now underway at
the Jet Propulsion Laboratory. By 2008 we should have a well-
functioning Earth-Mars network that serves as a nascent backbone of
an interplanetary system of Internets - InterPlaNet is a network of
Internets! Ultimately, we will have interplanetary Internet relays
in polar solar orbit so that they can see most of the planets and
their interplanetary gateways for most if not all of the time.

The Internet is for everyone - but it won't be if it isn't
affordable by all that wish to partake of its services, so we must
dedicate ourselves to making Internet as affordable as other
infrastructure so critical to our well being. While we follow
Moore's Law to reduce the cost of Internet-enabling equipment, let
us also seek to stimulate regulatory policies that take advantage of
the power of competition to reduce costs.
 


The Internet is for everyone, - but it won't be if Governments
restrict access to it, so we must dedicate ourselves to keeping the
network unrestricted, unfettered and unregulated. We must have the
freedom to speak and the freedom to hear.

The Internet is for everyone - but it won't be if it cannot keep up
with the explosive demand for its services, so we must dedicate
ourselves to continuing its technological evolution and development
of the technical standards that lie at the heart of the Internet
revolution. Let us dedicate ourselves to the support of the Internet
Architecture Board, the Internet Engineering Steering Group, the
Internet Research Task Force and the Internet Engineering Task Force
as they drive us forward into an unbounded future.

The Internet is for everyone - but it won't be until in every home,
in every business, in every school, in every town and every country
on the Globe, Internet can be accessed without limitation, at any
time and in every language.
 

 


The Internet is for everyone - but it won't be if it is too complex
to be used easily by everyone. Let us dedicate ourselves to the task
of simplifying Internet's interfaces and to educating all that are
interested in its use.

The Internet is for everyone - but it won't be if legislation around
the world creates a thicket of incompatible laws that hinder the
growth of electronic commerce, stymie the protection of intellectual
property, and stifle freedom of expression and the development of
market economies. Let us dedicate ourselves to the creation of a
global legal framework in which laws work across national boundaries
to reinforce the upward spiral of value that Internet is capable of
creating.

The Internet is for everyone - but it won't be if its users cannot
protect their privacy and the confidentiality of transactions
conducted on the network. Let us dedicate ourselves to the
proposition that cryptographic technology sufficient to protect
privacy from unauthorized disclosure should be freely available,
applicable and exportable.
 


Moreover, as authenticity lies at the heart of trust in networked
environments, let us dedicate ourselves to work towards the
development of authentication methods and systems capable of
supporting electronic commerce through the Internet.

The Internet is for everyone - but it won't be if parents and
teachers cannot voluntarily create protected spaces for our young
people for whom the full range of Internet content may be
inappropriate. Let us dedicate ourselves to the development of
technologies and practices that offer this protective flexibility to
those who accept responsibility to provide it.
 


The Internet is for everyone - but it won't be if we are not
responsible in its use and mindful of the rights of others who share
its wealth. Let us dedicate ourselves to the responsible use of this
new medium and to the proposition that with the freedoms Internet
enables comes a commensurate responsibility to use these powerful
enablers with care and consideration. For those who choose to abuse
these privileges, let us dedicate ourselves to developing the
necessary tools to combat the abuse and punish the abuser.

I hope Internauts everywhere will join with the Internet Society and
like-minded organizations to achieve this easily stated but hard to
achieve goal. As we near the milestone of the third millennium, what
better theme could we possibly ask for than making the Internet the
medium of the new millennium?

Internet IS for everyone - but it won't be unless WE make it so.
 

 

 


3. Author's Addresses
 


Vint Cerf
Chairman, Internet Society
April 1999
Email: vcerf@MCI.NET


 

 

 

Informational Comment Vint Cerf
Internet Draft Internet Society
Document: draft-isoc-internet-for-everyone-00.txt April 1999
Category: Informational


Internet è per tutti ( "The Internet is for Everyone" )

Status di questa memoria


Questo documento è un Internet-Draft ed è in piena conformita’ con tutte le provvisioni della Sezione 10 di RFC2026[1]. Le Internet-Draft sono documenti di lavoro della Internet Engineerign Task Force (IETF), le sue aree, ed i suoi gruppi di lavoro. Tenete conto che altri gruppi possono distribuire documenti come Internet-Draft. Le Internet-draft sono bozze di documenti validi per un massimo di sei mesi e possono essere aggiornati, sostituiti, o resi obsoleti da altri documenti in qualsiasi momento.
E improprio utilizzare gli Internet-Draftscome materiale di riferimento o citarli altro che come "lavoro in corso" .


L'elenco degli Internet-Draft correnti e’ accessibile a http://www.ietf.org/ietf/1id-abstracts.txt


L'elenco degli Internet-Draft come "directory-ombra" e’ accessibile in http://www.ietf.org/shadow.html .


1. Abstract
Internet e’ realmente per ciascuno. Comunque, lo sara’ solamente se noi lo rendiamo tale.

2. Internet è per tutti.


Internet è per tutti!


Come e’ facile da dire - cosi’ e’ difficile da raggiungere!


A che punto siamo nel raggiungere questo nobile obiettivo ?


Internet è al suo undicesimo anno di annuale raddoppio dal 1988.
Ci sono piu’ di 44 milioni di hosts in Internet ed una stima di 150 milioni di utenti, in tutto il mondo. Dal 2006, è probabile che Internet superi la rete telefonica mondiale, sempre che a quella data non sia diventata la rete telefonica in virtù della telefonia IP. Inoltre, decine di milioni di apparecchi abilitati ad Internet si unirannno ai tradizionali server, desktop e laptops come parte della famiglia di Internet.


Pagers, telefoni cellulari ed assistenti personali digitali potranno benissimo unirsi per divenire il nuovo strumento di telecomunicazione della prossima decade. Comunque, persino in rapporto al sistema telefonico, è opportuno sapere che solo metà la popolazione di Terra ha mai effettuato una telefonata.


Si valuta che il commercio sulla rete raggiungerà qualcosa come $1.8T / $3.2T nel 2003. Cio’ è a soli quattro anni da ora (ma una lunga carriera in anni-Internet).


Il numero di utenti di Internet raggiungerà probabilmente gli oltre 300 milioni dalla fine dell'anno 2000, ma cio’ è solo il 5% della popolazione terrestre. Dal 2047 la popolazione della mondo può raggiungere gli 11 miliardi. Se solo il 25% della allora popolazione del mondo sara’ su Internet, cioe’ quasi 3 miliardi di utenti ovvero dieci volte la popolazione stimata al termine dell'anno prossimo.


Appena le bande veloci diverranno la norma, attraverso giri di abbonati digitali, modem via cavo, collegamenti radio digitali terrestri e satellitari, la convergenza dei mezzi disponibile su Internet diverrà ovvia.
La televisione, la radio, la telefonia ed I tradizionali mezzi di stampa troveranno una loro controparte in Internet - e cambiera’ profondamente la presenza di software che trasforma il media unidirezionale in risorse interattive, condivisibili da molti.

 


E’ oramai assodato che Internet e’ uno dei piu’ potenti amplificatori di discorso mai inventato. Offre un megafono globale per voci che potrebbero essere altrimenti ascoltate solo flebilmente, se non per niente. Invita e facilita punti di vista multipli e un dialogo in una maniera non implementable dai tradizionali mass media a senso unico.


Internet può facilitare pratiche democratiche in maniera inaspettata.
Lo sapete che "proxy voting for stock shareholders" è ora comunemente supportato da Internet? Forse possiamo trovare ulteriori vie tali da semplificare ed espandere il "voting franchise" in altro domini, incluso quello politico, appena aumentera’ l’accesso a Internet.


Internet sta diventando il ricettacolo di tutto cio’ che abbiamo compiuto come società. Sta diventando un genere di Boswell disorganizzato dello spirito umano. Pensa bene a cio’ che spedisci via e-mail, ai newsgroup, e con altri mezzi - un giorno potresti ritrovartelo in una ricerca sul web. I database condivisi in Internet agiscono come acceleratori del ritmo del progresso della ricerca, grazie all’accesso online alle masse di informazioni comunemente accessibili.


Internet muove il pianeta! Già, l’Internet interplanetario è parte del programma di missione NASA su Marte, ora in preparazione al Jet Propulsion Laboratory. Dal 2008 dovremmo avere una rete Terra-Marte ben funzionante che servira’ come spina dorsale nascente di un sistema interplanetario di Internets - InterPlaNet è una rete di Internets! Infine, avremo relays di Internet interplanetari in orbita polare solare così che possano vedere la maggior parte dei pianeti ed i loro gateways interplanetari per la maggior parte se non tutto il tempo.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se non è alla portata di tutto coloro che desiderano usufruire dei suoi servizi, cosicche’ dobbiamo dedicarci a rendere Internet tanto economico quanto altre infrastrutture così critiche per il nostro benessere. Mentre seguiamo la Legge di Moore per ridurre il costo delle apparecchiature che ci abilitano ad Internet, cerchiamo anche di stimolare le politiche delle regole che sfruttano il potere della competizione per ridurre I costi.


Internet è per tutti,- ma non lo sarà se I Governi ne restringono l’accesso, cosicche’ dobbiamo dedicarci a mantenere la rete senza restrizioni, senza restrizioni e senza regole. Dobbiamo avere la libertà di parlare e la libertà di ascoltare.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se non potra’ stare al passo con la esplosiva richiesta per i suoi servizi, cosicche’ dobbiamo dedicare noi stessi alla continuita’ della sua evoluzione tecnologica e allo sviluppo degli standard tecnici che stanno nel cuore della rivoluzione Internet. Dedichiamoci all'appoggio della Internet Architecture Board, della Internet Engineering Steering Group, della Internet Research Task Force e dellaInternet Engineering Task Force, poiche’ esse ci guidano verso un futuro sconfinato.


Internet è per tutti - ma non lo sarà fino a che in ogni casa, in ogni affare, in ogni scuola, in ogni città ed ogni paese sul Globo, Internet può essere accessibile senza limitazioni, in ogni momento ed in ogni lingua.

 

 


Internet è per tutti - ma non lo sarà se è troppo complesso da essere usato facilmente da ciascuno. Dedichiamoci al compito di semplificare le interfacce di Internet ed a istruire tutto coloro che sono interessati al suo utilizzo.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se le legislazioni nel mondo creano una jungla di leggi incompatibili che impediscono la crescita del commercio elettronico, ostacolano la protezione della proprietà intellettuale, e soffocano la libertà di espressione e lo sviluppo di economie di mercato. Dedichiamoci alla creazione di una struttura legale globale nella quale le leggi lavorano attraverso I confini nazionali per rinforzare la spirale di valori verso l'alto che Internet è capace di creare.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se i suoi utenti non possono proteggere la loro privacy e la riservatezza delle operazioni che effettuano sulla rete. Dedichiamoci alla proposta che una tecnologia crittografica sufficiente a proteggere la privacy da rivelazioni non autorizzato dovrebbe essere liberamente disponibile, applicabile ed esportabile.

 


Inoltre, come l’autenticità giace nel cuore della fiducia negli ambienti collegati via rete, dedichiamoci a lavorare verso lo sviluppo dei metodi di autenticazione e dei sistemi capaci di sostenere il commercio elettronico attraverso Internet.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se genitori ed insegnanti non possono creare spazi protetti a volonta’ per I nostri giovani per cui l’intero spazio di Internet può essere inadatto.
Dedichiamoci allo sviluppo di tecnologie e pratiche che offrano questa flessibilità protettiva a coloro che accettano la responsabilità di provvedervi.


Internet è per tutti - ma non lo sarà se non ci comportiamo responsabilmente nel suo uso e non prestiamo attenzione al diritto di altri che condividono la propria ricchezza.
Dedichiamoci all'uso responsabile di questo nuovo mezzo di comunicazione ed alla proposta che con le libertà che Internet abilita arriva anche una responsabilità commisurata ad usare questi potenti abilitatori con cura e considerazione. Per quelli che scelgono di abusare di questi privilegi, dedichiamoci a sviluppare gli stumenti necessari per combattere l'abuso e punire I trasgressori.


Spero che gli Internauti di tutto il mondo si uniscano alla Internet Society e che le organizzazioni cosi’ concepite raggiungano questa meta, cosi’ facilmente determinata ma dura da raggiungere. Come ci avviciniamo alla pietra miliare del terzo millennio, quale miglior tema potremmo meglio chiedere che rendere Internet il mezzo di comunicazione del nuovo millennio ?


Internet E’ per tutti - ma non lo sarà a meno che NOI non lo facciamo così.

 

 


3. Indirizzi dell’autore :


Vint Cerf
Presidente della Internet Society
Aprile 1999
e-mail: vcerf@MCI.NET